info@consafe.it

05411648549

BREXIT E MARCATURA UKCA

BREXIT E MARCATURA UKCA

UKCA (UK Conformity Assessed) è il nuovo marchio di prodotto utilizzato per le merci immesse sul mercato in Gran Bretagna (Inghilterra, Galles e Scozia, NON Irlanda del Nord che è rimasta all’interno del mercato unico europeo relativamente allo scambio di beni).

Copre la maggior parte dei prodotti che richiedevano la marcatura CE e, in modo analogo, così come il marchio CE dimostrava la conformità ai requisiti europei, il marchio UKCA dimostra che tutti i requisiti della legislazione britannica sono stati soddisfatti.

Il 1° gennaio 2023 è la data ultima per applicare il marchio UKCA alla maggior parte dei prodotti, intanto, i beni recanti marchio CE possono ancora essere immessi sul mercato britannico, a condizione che i requisiti di conformità CE siano i medesimi previsti per il marchio UKCA.

Sebbene le procedure di conformità siano sostanzialmente invariate, la terminologia è stata modificata e resa coerente con l’assetto regolamentare britannico. Pertanto, nella compilazione dei documenti, quali ad esempio la dichiarazione di conformità, i riferimenti UE si trasformeranno come mostrato di seguito nei riferimenti UK.

Figura 1 – Da LINEA GUIDA – MARCHIO UKCA 4.0 dell’ICE

La coesistenza dei due marchi

È previsto che il marchio CE che quello UKCA possano essere apposti sul medesimo prodotto purché nessuno dei due ostacoli la visibilità dell’altro e siano soddisfatti i requisiti sia della legislazione GB che dell’UE.

Nel caso fosse necessaria la sola autodichiarazione di conformità, essa dovrà essere prodotta per entrambe le marcature; dovranno pertanto essere prodotte due dichiarazioni, in inglese la prima con riferimento alle designated standard britanniche e la seconda con riferimento alle norme armonizzate UE.

Tutte le norme armonizzate EN che conferiscono una presunzione di conformità al diritto dell’UE sono diventate norme designatedesignated standards UK che a loro volta forniscono la presunzione di conformità alla legge britannica.

Condividi