Tempi di arresto degli elementi pericolosi, come calcolarli?

Tempi di arresto degli elementi pericolosi, come calcolarli?

A seguito di un accurato processo di valutazione dei rischi, possono essere definite le modalità più adeguate a proteggere le zone pericolose, senza trascurare le necessità operative. Abbiamo già parlato di ripari e protezioni, ma su che base scegliere se utilizzare ad esempio ripari fissi o barriere fotoelettriche?

Naturalmente una norma viene in soccorso per agire in sicurezza e conformità, nello specifico si tratta della norma UNI EN ISO 13855 – “Sicurezza del macchinario – Posizionamento dei mezzi di protezione in funzione delle velocità di avvicinamento di parti del corpo umano”

La distanza tra il dispositivo di protezione e gli organi pericolosi protetti deve essere determinata come segue: 𝗦 = (𝗞 × 𝗧) + 𝗖 dove:

𝗦 è la distanza minima (espressa in mm), 𝗞 è la velocità di avvicinamento del corpo o di una parte del corpo (espressa in mm/s), 𝗧 è il tempo di arresto complessivo degli elementi pericolosi protetti (espresso in secondi) e 𝗖 è la distanza di intrusione (espressa in mm) ovvero la distanza che una parte del corpo (generalmente la mano e/o il braccio) può coprire senza essere rilevata dal dispositivo di protezione.

factory-engineer-operating-machines-in-industry-fa-2022-01-29-00-27-15-utc

CONSAFE è in grado di accompagnare le imprese nella preparazione dell’intera documentazione tecnica della macchina a seguito di Analisi dei Rischi, offrendo una garanzia di sicurezza all’utilizzatore, al venditore e al datore di lavoro.

Contattaci, un nostro esperto sarà a tua disposizione per valutare le tue macchine in servizio alla luce delle indicazioni disponibili nel nuovo Regolamento Macchine – info@consafe.it